I commenti sono off per questo post

UNA SALA PROVE CHE NON HA PIÙ PARETI, MA ALBERI INFINITI

Liberarsi degli spazi chiusi e trovare soluzioni alternative per spettacoli teatrali è da ormai vent’anni una caratteristica di Teatrando.
Da questo modo di vivere lo spettacolo in contesti piacevoli e suggestivi, nasce l’idea di trasformare in “sala prove” una parte del Brich di Zumaglia e di metterla a disposizione delle band per permettere ai musicisti di creare la propria musica all’aperto, in uno spazio ampio e luminoso, baciato dal sole e dall’aria.

Un’esperienza diversa dal solito live, dove il pubblico è fruitore di un prodotto già ben preparato e confezionato, che offre invece una visione interna della creazione musicale, del lavoro che sta dietro ogni singolo momento di un concerto, di un brano, di una parte vocale o di un riff di chitarra. In poche parole far scoprire cosa sta sotto la musica.

Nasce così l’idea di “Suonando nell’aria”: appuntamenti alla domenica pomeriggio, ospitati sulla prima terrazza del Castello.
L’iniziativa ha debuttato con gli Invers all’inizio di luglio e ritorna questo fine settimana, Domenica 21 luglio dalle 16.00 alle 19.00, con i Lemura.

Ai fan e ai curiosi non resta che salire a Zumaglia e godersi l’esperienza. Si lascia la macchina

La prossima settimana toccherà ai Gassman (forse), perché la musica nell’aria si muove e le cose possono cambiare.

LEMURA
Nata nel gennaio del 2012, la band è formata da Andrea Bertoli (voce, basso, tastiere), Alessandro Finotello ((chitarre acustiche, elettriche, basso, cori), Loris Borri (batteria) e Filippo Sperotto (chitarre elettriche, moog,). Il gruppo ha scritto e preprodotto “Arthena”, il primo album, nella primavera dello stesso anno, per poi registrarlo a Brescia in giugno. Il gruppo propone un rock molto personale che, ispirato dalle varie correnti che caratterizzarono gli Anni 70, mescola la potenza del blues dei Free al funk degli Sly And The Family Stone, il prog degli Yes alla sperimentazione dei King Crimson, senza tralasciare il patrimonio italico progressivo, in particolare Osanna e Balletto di Bronzo.