La struttura originaria presentava una cerchia di robuste mura di pietra, camminamenti e un ponte levatoio.
L’unica parte originale dell’antico castello rimane quella inferiore, i cui resti, tra i quali la profonda cisterna per la raccolta dell’acqua, sono ancora visibili.

Nell’angolo occidentale si eleva la Torre quadrata, alla cui base si trova la cappella dedicata al Sacro Cuore e ai Santi e Beati di Casa Savoia. Qui era collocato il prezioso altare trecentesco (ora custodito altrove) proveniente da un’antica chiesa umbra
ed era presente una formella cinquecentesca (purtroppo trafugata), raffigurante una crocifissione.

Un piccolo portico unisce la torre al Salone che presenta un altissimo soffitto a cassettoni, un camino e degli affreschi che ricordano i momenti più significativi della storia del Castello.

Una scala accanto al portico conduce alla seconda terrazza, guarnita da merli a coda di rondine.
Dalla seconda terrazza l’occhio spazia a 360°, abbracciando l’arco dei monti fra la Val d’Aosta e la Valsesia, e l’intera pianura.